Abuso minorile. La donna immerge i piedi della bambina nell’acqua bollente

La piccola, ricoverata in ospedale, ha subito ustioni di terzo grado

L’abuso minorile è un problema che merita di essere preso sul serio. In effetti, molte anime innocenti si confrontano ogni giorno con violenza fisica e psicologica senza osare parlarne.

In una testimonianza trasmessa dal Daily Mail, possiamo vedere fino a che punto può arrivare la crudeltà dell’essere umano. Questa storia vi farà venire i brividi.

Abuso minorile: una testimonianza agghiacciante

Nello stato del Tennessee, negli Stati Uniti, una bambina di 2 anni è stata vittima di ustioni di terzo grado da parte della madre del patrigno, Jennifer Vaughn.

Ad agosto, la sua mamma era impegnata con i suoi fratelli più grandi e l’aveva lasciata in quelle che credeva essere mani sicure, quelle della suocera.

La donna invece, inspiegabilmente ha deciso di punire la bambina, perché a suo dire non si era comportata bene, e le ha immerso i piedini nell’acqua bollente.

Ricoverata nell’ospedale della zona, le sue condizioni hanno scioccato medici e autorità. Secondo il detective del dipartimento dello sceriffo della città, Kaylee presentava “le peggiori ustioni” che avesse mai visto.

La madre di Kaylee ha riferito ai media che le ferite di sua figlia stavano peggiorando di giorno in giorno: “La pelle non si ripara come previsto e lei soffre molto”, ha dichiarato.

Gli interventi chirurgici che ha subito non hanno raggiunto i risultati sperati e il rischio che le caviglie di infettino è alto. In quel caso i medici dovranno procedere con un’amputazione.

La versione della donna

La cinquantenne durante il primo interrogatorio ha negato di aver gettato i piedi di Kaylee nell’acqua bollente, dicendo che aveva lasciato la bambina sola in bagno.

Ma dopo essere stata interrogata più volte, ha finito per ammettere i suoi atti crudeli. Per giustificarsi, ha dichiarato che Kaylee si era comportata male e che per punirla, aveva deciso di usare l’acqua bollente.

Violenza minorile

Secondo l’UNICEF, i bambini sono esposti a varie forme di violenza ogni giorno, anche nelle loro case. L’abuso di minori è un grave problema in tutte le società.

Un bambino che ha subito abusi può sviluppare vari disturbi mentali e fisici, più o meno gravi. Più giovane è il bambino al momento del trauma, maggiore è l’impatto.

Ecco un elenco delle conseguenze che un bambino vittima di abuso può subire:

  • Disturbi comportamentali
  • Problemi di ansia e rischio di depressione
  • Alterate capacità cognitive ed emotive
  • Mancanza di fiducia in se stessi
  • Difficoltà relazionali
  • Disturbi dell’attenzione e scarsi risultati scolastici.

Leggi anche:

Back to top button
Close
Close