Adottano una bambina abbandonata perché nata con la sindrome di Down. Storia di un viaggio chiamato Amore

Quando Claudia è nata pesava solo 1,400 kg, aveva la sindrome di Down, molti altri problemi di salute e poche speranze di sopravvivere.
Come se tutto ciò non bastasse, i suoi genitori biologici avevano deciso di abbandonarla.

Claudia è viva. Ce l’ha fatta grazie all’amore di una famiglia che l’ha fortemente voluta e amata.
Oggi, quattro anni dopo, la madre della bambina, Terry Gragera, una giornalista di 47 anni, ci racconta di questo bellissimo “viaggio d’amore” che ha fatto insieme a suo marito, Chiqui Alonso, un insegnante di 48 anni, e gli altri suoi figli Ada, 15 anni e Teo, 12.

“Abbiamo sempre avuto l’idea di adottare un bambino, fin da giovani. Non pensavamo espressamente di adottare un bambino disabile, anche se facevamo volontariato ed eravamo a contatto con molti di loro.
Gli anni sono trascorsi, dalla nostra unione sono nati Ada e Teo e quando quando avevano rispettivamente 8 e 5 anni, abbiamo ripreso in considerazione l’idea di un’adozione. ”
Una decisione che cambia la vita

Ormai più maturi e consapevoli, pensavamo, mio marito ed io, ad una adozione speciale: un bambino già grande, un gruppo di fratelli e perché no? Un bambino disabile.
Ne abbiamo discusso con i nostri figli che si sono dimostrati subito d’accordo e così ci siamo messi in lista per un’adozione speciale.
Alcuni mesi dopo hanno chiamato per parlarci di una bambina con una situazione di salute critica. Nata prematuramente con la sindrome di Down e con molti altri problemi.
La bambina inoltre, non poteva ancora essere dimessa,

Le adozioni si formalizzano quando un bambino si reca a vivere in una nuova famiglia, ma i medici avevano già intuito quanto Claudia avesse bisogno di calore umano per sopravvivere e ci hanno permesso di restarle vicino.
Sono state 3 settimane incredibili quelle passate in ospedale e incredibile è stato come la bimba abbia iniziato a migliorare quando ha sentito di non essere più sola. Aveva finalmente un motivo per vivere.
L’amore di una famiglia
I primi tempi sono stati difficili, aveva un respiratore, veniva nutrita con un sondino, ma sentiva il nostro calore, la nostra vicinanza. Pian piano doveva imparare a far tutto da sola, ma insieme a noi.
Era un processo d’amore. Ecco perché so che l’amore guarisce, perché l’ho vissuto.

La regina della casa
Sebbene la riservatezza sulla famiglia di origine sia garantita, ci hanno detto che la ragione dell’abbandono era stata quella della sindrome di Down.
La sua famiglia di origine non era abbastanza forte per affrontare la situazione.

Voglio sottolineare che coloro che nascono con la sindrome di Down, raggiungono un’importante autonomia, hanno una straordinaria qualità di vita, sono molto felici e danno tanta gioia.
Sono un dono per una famiglia, perché permettono di vivere la vita con occhi più puri e di concentrarsi solo su ciò che è importante.
Ci sono naturalmente delle difficoltà, alcuni hanno problemi di salute, come nostra figlia. Anche la differenza e l’ignoto spaventano, ma quando ciò viene superato …

I miei figli più grandi amano la loro sorella, non dicono mai che è stata adottata o che ha la sindrome di Down, dicono solo che sono tre fratelli.
Claudia è stata operata al cuore, presenta problemi respiratori, quindi la routine familiare è stata interrotta.
È costato ai suoi fratelli, come ad ogni bambino, vivere i problemi di salute di Claudia, perché quando qualcuno è malato, l’intera famiglia ne soffre.
Ma pensiamo che sia una ricchezza per i nostri figli questa sorellina meravigliosa che permette loro di vivere la vita con altri valori.

Non è stato un percorso di rose e viole, eravamo pronti ad accogliere un bambino speciale, ma come tutti i genitori, abbiamo sofferto nel vivere le sue malattie.
Riguardo il suo futuro ho per lei le stesse paure che ho per i miei figli più grandi.
Confidiamo che quando non ci saremo più, i tre fratelli si sosterranno tra loro.
Come coppia, è vero che i primi anni sono stati molto intensi e duri, ma l’arrivo di Claudia ci ha rafforzato. L’abbiamo voluta insieme, l’abbiamo portato avanti insieme questo atto d’amore ed è motivo di orgoglio.

Claudia oggi ha 4 anni, soffre di una malattia cardiaca ed è sottoposta a continui controlli.
Dal punto di vista respiratorio non ha nessuna grave patologia, ma va in apnea, quindi deve dormire con un dispositivo.
Cognitivamente essere nata prematura ha rallentato il suo sviluppo, ma è impaziente di imparare. È una bambina felice, socievole.
I suoi passi sono lenti, ma vanno sempre in avanti.
Il suo ritmo è così e noi saremo sempre lì per accompagnarla. ”
Che dire? Non credo vi sia un commento che possa rendere onore a questa famiglia come merita.
Rispetto, commozione, ammirazione, per un viaggio difficile e meraviglioso che può chiamarsi solo Amore.

Loading...
Back to top button
Close
Close