Alla scoperta dell’antica cura tibetana a base di aglio

Oggi andremo alla scoperta dell’antica cura tibetana a base di aglio, ideata dai monaci buddisti, con lo scopo di sfruttare le innumerevoli proprietà di questo ingrediente tanto amato e tanto odiato della nostra cucina.

Si tratta di un rimedio depurativo, usato per trattare un numero consistente di malattie, ma anche per perdere peso.

L’antica cura tibetana a base di aglio

Inoltre un punto che gioca a suo favore. è quello di essere un rimedio molto economico e di facile preparazione. Ma scopriamo insieme tutti i dettagli.

Sono molti gli esperti che consigliano di mangiare quotidianamente l’aglio crudo.

Questo alimento è estremamente benefico e possiede molte proprietà mediche.

Ma quali sono i primi benefici dell‘antica cura tibetana a base di aglio? Eccone qualcuno:

  • Aumenta il colesterolo buono a discapito di quello cattivo
  • Elimina il grasso
  • Riduce i trigliceridi
  • Aumenta il sistema immunitario
  • Previene la formazione di emboli
  • Riduce l’ipertensione
  • Potenzia le capacità depurative del fegato
  • Combatte la ritenzione idrica
  • Favorisce la corretta circolazione sanguigna

Le malattie che combatte

  • Ischemia
  • Arteriosclerosi
  • Sovrappeso
  • Malattie polmonari
  • Sinusite
  • Problemi all’udito
  • Emorroidi
  • Problemi agli occhi
  • Trombosi cerebrale
  • Mal di testa
  • Artrite
  • Artrosi
  • Gastrite
  • Reumatismi

Ovviamente esistono anche delle controindicazioni a cui prestare attenzione. Coloro che soffrono dei disturbi sotto elencati dovrebbero evitare di assumere l’antica cura tibetana:

Ingrediente

  • Problemi a digerire l’aglio crudo
  • Ulcere digestive o irritazioni gastriche
  • Terapia di anticoagulanti

Si consiglia sempre di sentire il parere del medico prima di iniziare questa cura.

Ingredienti e preparazione

  • ¼ di litro d’alcool a 70 gradi per uso interno
  • 350 gr di aglio

Sbucciare e tritare l’aglio e inserirlo in una bottiglia ripiena di alcol. Chiudere ermeticamente e riporre in frigorifero per 10 giorni.

Filtrare con un panno di cotone il liquidi verde e rimettete in frigorifero per altri 3 giorni.

Trascorso questo tempo è il momento di iniziare la cura. Mi raccomando, è fondamentale seguire scrupolosamente le regole che segnaleremo a seguire.

Il liquido va assunto secondo le quantità indicate, insieme all’acqua e 20 minuti prima dei pasti.

Se non lo avete in casa, consigliamo di comprare un contagocce, che vi aiuterà a misurare la giusta quantità del liquidi da assumere.

PRIMO GIORNO:

1 goccia prima di colazione, 2 gocce prima di pranzo, 3 gocce prima di cena.

SECONDO GIORNO:

4 gocce prima di colazione, 5 gocce prima di pranzo, 6 gocce prima di cena.

TERZO GIORNO:

7 gocce prima di colazione, 8 gocce prima di pranzo, 9 gocce prima di cena.

QUARTO GIORNO:

  • 10 gocce prima di colazione, 11 gocce prima di pranzo, 12 gocce prima di cena.

QUINTO GIORNO:

  • 13 gocce prima di colazione, 14 gocce prima di pranzo, 15 gocce prima di cena.

SESTO GIORNO:

15 gocce prima di colazione, 14 gocce prima di pranzo, 13 gocce prima di cena.

SETTIMO GIORNO:

12 gocce prima di colazione, 11 gocce prima di pranzo, 10 gocce prima di cena.

OTTAVO GIORNO:

9 gocce prima di colazione, 8 gocce prima di pranzo, 7 gocce prima di cena.

NONO GIORNO:

6 gocce prima di colazione, 5 gocce prima di pranzo, 4 gocce prima di cena.

DECIMO GIORNO:

3 gocce prima di colazione, 2 gocce prima di pranzo, 1 goccia prima di cena.

UNDICESIMO GIORNO:

Dall’undicesimo giorni in poi, 25 gocce tre volte al giorno fino al termine della bottiglia.

Leggi anche:

Loading...
Back to top button
Close
Close