Anziano sorpreso a rubare shampoo e dentifricio, muore d’infarto quando vede la polizia

Aveva 67 anni il pensionato sorpreso a rubare shampoo e dentifricio in un supermercato. Alla vista degli agenti di polizia chiamati dal personale, il suo cuore non ha retto

Bolzano. Non ce l’ha fatta a sopravvivere nonostante gli sforzi del personale di soccorso allertato dalle stesse forze dell’ordine.
Parliamo di un anziano sorpreso a rubare un dentifricio e uno shampoo all’interno di un supermercato di Bolzano.

L’uomo aveva 67 anni e probabilmente il suo cuore non ha retto alla vergogna di un gesto dettato solo dal bisogno. La tragica vicenda si è consumata nel capoluogo altoatesino nella mattina di venerdì 18 ottobre.

Una storia di estrema povertà costata la vita ad uno dei tanti dimenticati di questa società sempre più cinica e indifferente al bisogno degli ultimi.

Il pensionato si trovava all’interno di un supermercato quando è stato notato da uno degli addetti alla sicurezza mentre tentava di nascondere un dentifricio e uno shampoo.

Una spesa di pochi euro ma, come prevede il regolamento, l’interessato veniva fermato ed accompagnato in direzione, mentre uno degli addetti contattava la Polizia.

L’anziano sorpreso a rubare alla vista degli agenti accusa un malore e muore d’infarto

Anziano sorpreso a rubare shampoo e dentifricio muore

Mentre l’uomo tentava di spiegare le ragioni del suo gesto, gli agenti della Volante raggiungevamo gli uffici della direzione.

Alla vista dei poliziotti il malore improvviso. Uno degli agenti comprendendo al volo la gravità della situazione, ha immediatamente chiamato i soccorsi.

A nulla purtroppo sono valsi i tentativi di rianimalo. Per oltre 20 minuti il personale dell’ambulanza ha tentato di scongiurare il peggio. Inutilmente.

Il cuore dell’uomo, probabilmente per la vergogna e la paura di essere stato sorpreso a rubare, non ha retto lo spavento e l’emozione di trovarsi davanti gli agenti della Volante di Polizia.

Segno questo, lo crediamo, di un gesto non motivato da altre ragioni se non quelle del bisogno, della necessità.

Sembra incredibile che, ai nostri giorni, debbano leggersi notizie come questa. Fatti che ci fanno toccare con mano dove l’estrema povertà può condurre.

Dalle prime notizie filtrate dalla Questura pare oltretutto che l’uomo soffrisse di disturbi mal curati forse per le precarie condizioni economiche.

Non perdete:

Loading...
Back to top button
Close
Close