I primi sintomi della demenza che tutti quanti dovremmo conoscere

La demenza è un argomento scomodo di cui parlare, soprattutto quando colpisce una persona cara. Ma per ridurne i danni è molto importante conoscere i primi sintomi della demenza.

Quando si parla di questo disturbo degenerativo, sembra quasi di avere a che fare con un tabù, che non è affatto utile a questa sindrome che negli ultimi anni è diventata molto comune.

I 5 primi sintomi della demenza che tutti dovremmo conoscere

Si stima che siano 47 milioni le persone che in tutti il mondo soffrano di un qualche tipo di demenza.

Lo afferma l’Organizzazione Mondiale della Sanità, che dichiara anche che questo numero è destinato ad aumentare a 75 milioni entro il 2030 e a triplicarsi entro il 2050.

Contrariamente al malinteso popolare, la demenza non è una sindrome standardizzata.

Diversi tipi di demenza colpiscono il cervello in modi molto diversi e, di conseguenza, alcune persone ignorano i primi sintomi, sia per quanto riguarda loro stessi che i familiari.

In generale, la demenza è progressiva, quindi peggiora nel tempo, ma la diagnosi precoce può migliorare notevolmente la qualità della vita di un paziente.

Prima di discutere alcuni di questi segnali premonitori, tuttavia, dovremmo notare che le demenze condividono i sintomi con altre condizioni.

Solo un medico qualificato può effettuare una diagnosi effettiva e articoli come questo non sono intesi come sostituti di una visita ambulatoriale.

Ottenendo infatti, una diagnosi nelle prime fasi della demenza, i pazienti possono iniziare il trattamento prima e, in alcuni casi, interrompere completamente la progressione dei sintomi.

Sfortunatamente, la demenza non è una condizione semplice e ci sono molte idee sbagliate.

LA PERDITA DI MEMORIA E’ UN SINTOMO COMUNE

La perdita di memoria è strettamente associata alla demenza, quindi è il sintomo a cui molte persone pensano quando si considerano le malattie che causano la demenza, ad esempio l’Alzheimer.

Tuttavia i medici sanno che la perdita di memoria non si verifica sempre esattamente nello stesso modo.

Secondo gli esperti infatti la memoria a lungo termine può essere ancora molto nitida e intatta nelle fasi più moderate o più avanzate dell’Alzheimer.

Questa malattia impedisce al cervello di codificare i ricordi, quindi il cervello non è in grado di memorizzare le sue esperienze.

Al contrario, altre demenze possono impedire al cervello di ricordare ricordi; le esperienze sono ancora in archivio, ma la persona non sarà in grado di richiamarle.

Questo è un fattore chiave che i medici considerano quando differenziano l’Alzheimer dalle altre demenze.

I CAMBIAMENTI D’UMORE

Solitamente i cambiamenti d’umore possono essere drastici e spaventosi.

I cambiamenti improvvisi dell’umore possono indicare demenze, ma di nuovo si verificano in modo diverso da paziente a paziente.

Spesso, gli aspetti della personalità di un paziente saranno amplificati; una persona che è normalmente molto dolce diventerà eccessivamente dolce.

O una persona autoritaria diventerà decisamente autoritaria.

In altri casi, le persone con demenza riconosceranno che hanno problemi a concentrarsi o a ricordare, quindi diventeranno silenziose, depresse e ritirate.

INCAPACITA’ DI SEGUIRE INDICAZIONI

Quando il cervello degenera o le vie neurali vengono danneggiate, i pazienti possono avere difficoltà a concentrarsi su determinati tipi di attività.

Possono confondersi facilmente e avere difficoltà a spostarsi da un luogo all’altro senza una guida costante.

Ancora una volta, i pazienti spesso ignorano questi sintomi all’inizio.

Il sintomo diventa invece evidente quando un paziente si confonde facilmente mentre tenta di completare le attività domestiche.

DISTURBI DEL LINGUAGGIO

Un paziente potrebbe avere difficoltà a parlare o a comprendere gli altri.

Il termine esatto di questa condizione è afasia ed è particolarmente comune nelle vittime di ictus e nei pazienti di Alzheimer.

Il linguaggio è controllato da parti specifiche del cervello e l’esatta natura dei disturbi del linguaggio di un paziente può aiutare i medici a determinare il tipo di demenza.

Nei pazienti di Alzheimer, ad esempio, l’afasia si verifica spesso senza alcun cambiamento nell’intelletto del paziente: sono intelligenti e consapevoli come sempre, ma hanno difficoltà a ricordare le parole o ad ascoltare i loro cari.

I TEST MEDICI

Come accennato in precedenza, molti sintomi della demenza possono essere attribuiti ad altri problemi di salute.

Quando i medici tentano di fare una diagnosi, esaminano tutti i sintomi disponibili per prendere una decisione.

Potrebbero anche eseguire studi di imaging per cercare danni cerebrali e, in alcuni casi, possono eseguire test del liquido cerebrospinale per individuare determinate proteine ​​associate a condizioni come l’Alzheimer.

Leggi anche:

Loading...
Back to top button
Close