Le libellule si fingono morte per evitare i maschi della loro specie

Una piccola curiosità su un insetto a dir poco particolare che per evitare le avances del maschio della sua stessa specie compie un’azione a dir poco divertente: le libellule si fingono morte per evitare di accoppiarsi.

Stiamo parlando di un particolare genere di insetto che appartiene all’ordine degli Odonati. Il suo nome deriva dal latino libra, ovvero bilancia, ed è chiamato così, perché quando vola tiene le ali orizzontali e ricorda proprio una bilancia.

Le libellule si fingono morte per evitare i maschi della loro specie

Si tratta di insetti particolarmente legati all’ambiente acquatico e che presentato una particolare caratteristica: la loro apertura alare è maggiore della lunghezza del corpo.

Ma questa non è la loro unica particolarità, infatti le femmine assumono un particolare atteggiamento, tutte le volte che sono infastidite dalle avances di un maschio: si fingono morte.

Nel regno animale, fingersi morti, salva la vita a molti esemplari che non riescono ad allontanarsi velocemente dal loro predatore.

Questa vincente strategia prende il nome di tanatosi e questi sono gli animali che la sfruttano per poter sopravvivere. Ecco alcuni esempi:

Il camaleonte africano, non potendo contare su un’abilità fuggiasca, punta tutto sull’astuzia, così quando si sente minacciato diventa bianco cadaverico e si finge morto.

Anche il rospo dopo aver sfruttato altre armi di difesa se si sente in difficoltà finge di essere già morto. Come? Si rovescia sulla schiena con le zampe all’aria.

Insetti

Ma i più esperti di tanatosi sono decisamente gli opossum che mettono in scena una vera e propria sceneggiata: si buttano a terra immobili con la bocca e gli occhi semiaperti e possono mantenere questa posizione anche per diverse ore.

Ecco che quindi fingere la propria morte non è una novità per alcuni animali che popolano la nostra Terra, ma come abbiamo già visto, gli esempi qui sopra attuano questa tecnica solo ed esclusivamente per salvarsi la vita.

Le libellule femmine, invece, lo fanno per evitare i maschi. Furbe, no?

Molto probabilmente i maschi sono tutti uguali, diventano insistenti e in alcuni casi è difficile liberarsene.

Eco perché quando iniziano a ronzare troppo vicino ad una libellula femmine, non può fare altro che tuffarsi a terra e fingersi morta.

Gli studi effettuati

Un recente studio, effettuato dalla Ecological Society of America ha osservato 31 libellule e ha notato che 27 di queste si fingevano morte per evitare di accoppiarsi.

Un dato che fa supporre che questa tattica possa essere più comune di quel che si pensava in passato.

Le esperienze di libellule ambulanti delle brughiere femminili sono probabilmente riconducibili alle donne in tutto il regno animale: a volte i ragazzi non riescono a cogliere un suggerimento. Così, quando un indesiderato ammiratore maschio viene a ronzare, una femmina improvvisamente si tufferà a terra e fingerà la propria morte.

Di questi 27 esemplari 21 hanno raggiunto il loro scopo, le altre 6 a quanto pare risultavano ancora desiderabili per i loro compagni.

Secondo Rassim Khefila, il ricercatore principale dell’Università di Zurigo, lo scopo delle libellule era estremamente chiaro, perché non appena gli esemplari maschi si allontanavano, le femmine si rialzavano e tornavano alle loro occupazioni.

Khelifa ha ammesso di essere rimasto sorpreso dall’atteggiamento di questi insetti, che con passione studia da 10 anni.

Leggi anche:

Loading...
Back to top button
Close
Close